How it works

In detail, the following are the most important substances particular to Olive Leaves:

1) OLEUROPEIN is the most highly represented molecule, with an even greater antioxidant effect than Vitamins C and E. This effect is enhanced by its synergy with flavonoids and phenols. Oleuropein’s protective effect on cellular oxidation has been proven by many international scientific studies.

The following recognized health benefits stand out in particular:

  • Anti-inflammatory / immuno-stimulatory action
  • Antimicrobial action
  • Neuroprotective action

What is cellular oxidation? How harmful is it?

Cellular oxidation is caused by free radicals, harmful substances responsible for many degenerative processes and aging.

A free radical is a particularly reactive molecule or atom that contains at least one unpaired electron in its outermost orbit.

Because of this chemical characteristic, free radicals are highly unstable and try to regain their equilibrium by stealing the electron necessary to equalize its electromagnetic charge from a nearby atom.

This mechanism gives rise to new unstable molecules, triggering a chain reaction that, if not stopped in time, ends up damaging the cellular structures (mainly the mitochondria), which are the only structures of the cell, together with the nucleus, that contain the DNA. Mitochondria are the cell’s energy centers, home to cellular respiration and the production of energy needed for many cellular functions, such as movement, substance transport, etc.

It is important to emphasize that the attacked cell cannot defend itself: the oxidative process changes it forever, making it age quickly or, in some cases, literally go crazy, thus triggering the degenerative process.

The production of free radicals is a physiological event and one that occurs normally in cellular biochemical reactions; this phenomenon however is accelerated by external factors, the first of which is:

Environmental pollution

followed by:

Prolonged psycho-physical stress

and also some

Additives and toxic substances present in food.

Fighting free radicals is the new watchword for preventing cancer and degenerative diseases, and for counteracting premature physical and mental aging.

In particular, one study has shown that Oleuropein decreases or even prevents the A-beta aggregation involved in Alzheimer’s disease 5 (20).

The potential effect of Oleuropein on brain function in Alzheimer’s disease is similar to that on Atherosclerosis: both diseases in fact are age-dependent and in both there is an excessive accumulation of certain metabolites (Cholesterol and A-beta respectively) that gradually create the bases for the full-blown degenerative disease.

The connection between heart diseases, hypercholesterolemia and Alzheimer’s is due to the fact that the pathogenetic mechanism of the three pathologies is very similar.

Click on the link at the end of this document to find the important international Scientific Studies on the Benefits of Olive Leaves.

OTHER ACTIVE MOLECULES OF PARTICULAR INTEREST:

2) HYDROXITYROSOL is a natural polyphenol with a very strong antioxidant action. It is a natural polyphenol that acts effectively as a protector against free radicals.

It is involved in inhibiting the oxidation processes connected to the phenomena of cellular alteration, which is typical of degenerative and aging diseases such as atherosclerosis, arthritis, cardiovascular disorders.

It can also have beneficial effects on our sight, reducing the risk of developing macular degeneration. It can activate the formation of Glutathione, a strong antioxidant agent produced by our body, active in cellular defense against damage induced by oxidative stress, reducing the melanogenic effect induced by UV radiation.

3) TYROSOL completes the action of major antioxidants; it improves the metabolic activities of our main organs (liver, muscles, heart), supports mental function and also has an anti-stress and antidepressant action.

It reduces intellectual fatigue, producing an improvement in memory, attention, concentration and intellectual performance in general.

In synergy with the other phenols, it has a regulating effect on body weight, with a weight-loss effect in cases of overweight and obesity, thanks to the stimulation of cellular enzymes that accelerate the mobilization of fats from deposit tissues, transforming them into lipids that are easy to eliminate, producing energy and reducing the compulsive desire for food at the same time.

4) ELENOLIC ACID is an antioxidant that improves blood circulation. In vitro it was found to have a very powerful antibacterial and antiviral action with a beneficial effect on the prevention and rapid resolution of infectious diseases.

5) RUTIN (also called “vitamin P”) has a strong antioxidant action that helps fight infectious diseases from the simplest (influenza) to the most important viral infections. It has a noticeable beneficial effect on microcirculation (it protects capillaries from rupture) and fluidifies the blood, thus inhibiting the harmful effects of obesity, cholesterol and high blood sugar. It also acts on the lymphatic circulation of the lower limbs, preventing liquids from stagnating. It has an antihistamine action.

Action on the Brain

The phytoactive substances present in Olive Leaf Extract influence the levels and effects of monoamines (brain chemical mediators such as dopamine, adrenaline, norepinephrine, serotonin), by inhibiting the enzymes responsible for their degradation.

The result is an improvement of brain metabolic activities with an antidepressant effect, effectively fighting mental exhaustion, helping to maintain good mood and spirits and improving memory and concentration.

The same active ingredients exert a balancing action on the opioid peptides (beta endorphins) that reduce mental fatigue and increase well-being.

Energizing Action

The components in Olive Leaves confer a sense of general well-being and energy, and great resistance to fatigue.

The extract is therefore highly suited in cases of fatigue, asthenia and convalescence, and in fatigue related to dysfunction of the immune system.

It has a real anti-stress action; taken regularly it works quickly and safely.

Vasoprotective Action

Many studies show that the polyunsaturated fatty acids present in the Extract favor the formation of prostaglandins, which contribute to keeping our blood vessels healthy within the general framework of an overall vasoprotective effect on circulation.

Hypotensive Action

Olive Leaf Extract has proven to be very useful in regulating arterial pressure.

A regulatory action has been found on maintaining the balance between sodium and potassium in serum and urine, as well as on the metabolism of copper in the brain and in the liver, with a link between oxidizing enzymes that contain copper and a reduction of stress hormones – such as adrenaline and noradrenaline – from which a balancing action on blood pressure also results.

Cardiotonic Action

The antioxidants present in the extract have a cardiotonic and antiarrhythmic action. Some studies reveal its usefulness in cases of angina, by decreasing the risk of heart disease.

A clinical study has demonstrated the cardioprotective effect of Oleuropein against the tendency to coronary occlusion.

Hypoglycaemic Action

Olive Leaf Extract has demonstrated its effectiveness in mild forms of diabetes, helping to reduce excess sugars in the blood, thus decreasing the need for insulin and improving glucose tolerance.

Its hypoglycaemic properties, which regulate blood sugar levels, can be a valuable aid in dyslipidemias.

Slimming Action

The components in Olive Leaf Extract are effective in preventing obesity as they regulate the metabolism of lipids and carbohydrates. In cases of overweight, they are indicated to reduce the fat quota, in particular in the abdominal area.

Anticellulite Action

The product based on Olive Leaf Extract favors the elimination of fatty waste responsible for the formation of cellulite and the so-called “orange peel skin”.

It supports the removal of excess fat, gradually draining and firming the imperfections of “critical points”.

Diuretic Action

Olive Leaf Extract produces vasodilation and induces an increase in diuresis, favoring the renal elimination of numerous catabolic substances (waste substances involved in inflammatory and deposition phenomena, even at the articular level such as the acid uric in gout).

Azione astringente protettiva su cute e mucose

L’azione astringente dell’estratto di Foglie d’Ulivo è dovuta alla presenza di tannini, utili nella cura delle malattie cutanee (come dermatiti ed eritemi) nel prevenire l’invecchiamento della pelle e i danni derivati dall’esposizione solare.

I tannini hanno anche un ottimo effetto sulle mucose (prevengono le infiammazioni del tratto digestivo, la tendenza all’eccessiva produzione di acido nello stomaco, la propensione alla gastrite e all’ulcera). L’estratto dimostra anche un’azione preventiva sulla tendenza allo sviluppo di emorroidi.

Anti-inflammatory and Pain-relieving Action

The anti-inflammatory action of Olive Leaf Extract is due to the Bioactive Polyphenols it contains. These are mainly Oleuropein, Hydroxytyrosol and Tyrosol. These precious molecules of natural origin inhibit the release of enzymes that support inflammation, reducing pain and regulating the action of immune cells in order to allow the body to defend itself and regenerate in the most balanced and healthy way.

Azione febbrifuga

L’estratto di Foglie d’Ulivo presenta un’azione febbrifuga riconosciuta fin dall’antichità.

Azione antimicotica

Il fitocomplesso derivato dalle Foglie d’Ulivo attiva la protezione cellulare dell’intero organismo attraverso la risposta mediata da importanti cellule immunitarie quali i macrofagi (cellule deputate alla rimozione delle sostanze tossiche, dei detriti cellulari, delle cellule alterate da batteri o infette da virus).

Questo effetto si integra con l’azione antimicotica (contro lo sviluppo di funghi), con l’inibizione dell’aggregazione delle piastrine (responsabile della formazione di trombi).

Più in generale questi fitoestratti hanno un’azione inibitoria sullo sviluppo e la proliferazione di batteri, lieviti, funghi (compresa la Candida albicans ) sulle muffe e altri parassiti.

Antiviral Effect

Researchers have shown that the constituents of olive leaves, particularly Elenolic Acid and its salt, Calcium Elenolate, have proved effective in vitro in inhibiting the proliferation of numerous viruses, including Parainfluenza, Herpes Simplex, Pseudo-rabies, the Polio -1, -2, -3 virus, Rhinovirus, Myxoviruses, Coxsackie virus, Varicella Zoster, Encephalomyocarditis virus, and two strains of Leukaemic virus.

Based on the recognized antiviral action of Olive Leaf Extract and the numerous anecdotal reports regarding AIDS patients who used the extract, it has been widely used to strengthen the immune system, reduce the viral load, alleviate chronic fatigue, assist in the treatment of Kaposi’s sarcoma, Herpes Simplex virus infections, and reduce the side effects of antiretroviral drug therapy.

Antitumor Action

There are many tests and studies that indicate an antiproliferative action of the phytocomplex in question. Oleuropein has been shown to inhibit cell proliferation in some cancers.

An interesting and recent study has analyzed the effect of the phytocomplex on pancreatic cancer, the fifth leading cause of cancer-related death in the world.

The study compared the content in phenol compounds, total flavonoids and Oleuropein, with the antioxidant capacity and anti-proliferative action tested on pancreatic cancer cells.

Azione sulla muscolatura liscia

I diversi agenti antiossidanti presenti nell’estratto di Foglie d’Ulivo inducono un’azione miolitica (di rilassamento muscolare) laddove vi sia una tendenza spastica. Un effetto lo si può notare anche a livello circolatorio con una vasodilatazione dovuta all’effetto rilassante sulle fibre muscolari lisce delle pareti vasali.

Tale vasodilatazione si manifesta anche a livello coronarico. L’azione circolatoria può influire positivamente sul ripristino dell’attività sessuale

Azione antiradicalica specifica

L’estratto di Foglie d’Ulivo svolge un’importantissima azione antiradicalica dimostrata da numerosissimi studi clinici. Un test comparativo fra 60 principali fitoestratti di piante, colloca la Foglia d’Ulivo al primo posto nell’azione antiradicalica.

Studi clinici hanno inoltre dimostrato un aumento significativo del livello di Glutatione, il più importante agente antiossidante prodotto dall’organismo stesso.

Attività Vasodilatatoria/Anti-ipertensiva

Gli studi sull’attività dell’estratto di foglie di Ulivo hanno recentemente dimostrato una funzione calcio-antagonista.
Le proprietà ipotensive dell’estratto sono state documentate per la prima volta nel 1951 e confermate circa una decina di anni dopo da alcuni studiosi italiani.
Questi risultati crearono interesse per il fitocomplesso che fu oggetto di numerosi studi in vitro e su animali. Nel 1991 alcuni ricercatori hanno dimostrato che l’Oleuropeina si è dimostrata essere la principale responsabile dell’attività ipotensiva.

Il meccanismo d’azione avverrebbe attraverso un’inibizione dei canali del calcio di tipo L, sia direttamente che indirettamente, con il risultato finale vasodilatatorio.
Un recente studio preclinico condotto su volontari ha confermato tali supposizioni: è stata infatti evidenziata per la prima volta l’effettiva relazione tra assunzione di estratto di foglie di Ulivo e l’abbassamento della pressione diastolica e sistolica, con aumento dei livelli di NO ematico. E’ interessante come lo studio riporti questi risultati in tutti i volontari sottoposti al test.

Uno studio condotto sui ratti dimostra che dopo somministrazione di una dose di OLE (Olive Leaf Extract) variabile da 100 a 1.000 mg/kg per 2-6 settimane, la pressione media arteriosa diminuiva significativamente (28).
In uno studio clinico umano svolto su 40 coppie di gemelli omozigoti ipertesi borderline, è stata valutata la riduzione della pressione arteriosa dopo assunzione di estratto di foglie d’Ulivo. I gemelli di ogni coppia sono stati divisi ed assegnati ad un gruppo di controllo o due gruppi di trattamento. I due gruppi sono stati trattati rispettivamente con 500 e 1.000 mg di OLE al giorno per otto settimane. Il peso corporeo, la frequenza cardiaca, la pressione arteriosa, la glicemia, e i lipidi ematici sono stati valutati a intervalli di due settimane. Dopo sei settimane i valori di pressione arteriosa sono diminuiti in entrambi i gruppi trattati rispetto ai controlli che non avevano assunto l’estratto; la differenza media della pressione sistolica raggiungeva i 6 mmHg in meno nel gruppo trattato con 500 mg di OLE, e 13 mmHg in meno in quello trattato con 1.000 mg. Alla fine dello studio, la pressione sanguigna media è rimasta invariata per il gruppo di controllo e per il gruppo trattato con 500 mg di OLE, mentre i soggetti del gruppo trattato con 1000 mg ha riportato una diminuzione significativa nella pressione sistolica (137±10 a 126±6; p<0.01). Tutti i soggetti hanno riportato anche una diminuzione del colesterolo ematico senza cambiamenti negli altri parametri .

Un altro studio clinico (n=30) ha riportato una significativa diminuzione della pressione sanguigna nei pazienti ipertesi ai quali era stato somministrato OLE 400 mg in forma liquida per quattro volte al giorno per tre mesi.

In uno studio che ha coinvolto 11 volontari sani, maschi, non fumatori, i polifenoli da foglie di Ulivo hanno dimostrato la capacità di inibire la funzione di aggregazione piastrinica nel sangue in vitro. I Polifenoli di questo fitocomplesso, a concentrazioni crescenti di Oleuropeina, hanno dimostrato una significativa soppressione dose-dipendente del rilascio di ATP-piastrinico e della aggregazione piastrinica. Da ciò si può dedurre la funzione benefica dell’estratto sul circolo sanguigno, grazie all’effetto fluidificante, preventivo sulla formazione di aggregati piastrinici e quindi sullo sviluppo di eventi trombotici.

Attività Ipoglicemizzante

Oltre alle citate proprietà vasodilatatrici è stato segnalato anche un effetto benefico sui livelli di glucosio ematico. Nei ratti con diabete allossano-indotto, dosi di 16 e 32 mg/kg di estratto hanno diminuito i valori glicemici in modo significativo, portando anche ad un maggiore assorbimento periferico di glucosio in modo dose-dipendente.
Inoltre, il contenuto in luteolina e acido oleanolico ha dimostrato un effetto inibitorio sull’aumento del glucosio postprandiale nei ratti diabetici.

Attività ipocolesterolemizzante

Le lipoproteine a bassa densità LDL sono primariamente implicate nella genesi dei disturbi circolatori con formazione delle placche ateromasiche e dell’arteriosclerosi. Si è specificamente dimostrato, sia in vitro che in vivo, che l’Oleuropeina è in grado di ridurre l’ossidazione delle lipoproteine a bassa densità (LDL) inibendone la potenzialità dannosa.

L’effetto anti-aterosclerotico delle foglie di Ulivo è stato dimostrato ponendo a paragone due gruppi di conigli sottoposti a una dieta ad alto contenuto di lipidi, con la somministrazione di Oleuropeina in uno dei due gruppi.

Dopo sei settimane si osservava che gli animali del gruppo “senza trattamento con Oleuropeina” avevano livelli più alti di colesterolo, di trigliceridi e LDL; inoltre questi mostravano una più spessa sedimentazione lipidica a livello dell’aorta, rispetto al gruppo di controllo, che aveva assunto l’estratto d’Ulivo .

Attività Antivirale

I ricercatori hanno dimostrato che i costituenti della foglia di Ulivo, in particolare Acido Elenolico ed il suo sale, elenolato di calcio, si sono mostrati efficaci in vitro nell’inibire la proliferazione di numerosi virus, tra cui parainfluenza, Herpes simplex, pseudorabbia, virus della polio -1, -2, -3, rinovirus, myxoviruses, virus coxsackie, varicella zoster, virus dell’encefalomiocardite, e due ceppi di virus leucemici.

Sulla base dell’attività antivirale riconosciuta all’OLE e alle numerose segnalazioni aneddotiche in pazienti affetti da AIDS che facevano uso di OLE , l’estratto è stato ampiamente utilizzato per rafforzare il sistema immunitario, ridurre la carica virale, alleviare la fatica cronica, coadiuvare il trattamento del sarcoma di Kaposi, le infezioni da herpes simplex virus, e ridurre gli effetti collaterali della terapia farmacologica anti-retrovirale.

Attività antiosteoporotica

Nel 2015 è stato portato a termine uno studio clinico in doppio cieco che ha avuto lo scopo di verificare le proprietà antiosteoporotiche dell’estratto di foglie di Ulivo in soggetti a rischio di depauperamento osseo. Sulla base di una ricerca preclinica è stato dimostrato che il fitocomplesso derivato dalle foglie di Ulivo, può proteggere dalla perdita di tessuto osseo, aumentando l’attività degli osteoblasti1 a scapito della formazione degli adipociti nelle donne in post menopausa. Le donne osteopeniche che hanno preso parte allo studio sono state 64, con una BMD2 T-score compresa tra -1.5 e -2.5 a livello della colonna lombare (L2-L4). Le partecipanti hanno ricevuto per 12 mesi una dose giornaliera 250 mg/die di estratto di foglie di Ulivo + 1000 mg di Calcio.

Alla fine dei 12 mesi si sono valutati i livelli del marcatore osteocalcina pro-osteoblastica, la BMD e il profilo lipidico del sangue. In generale si è osservato un miglioramento significativo nel gruppo in trattamento rispetto al placebo. Allo stesso tempo, la BMD è diminuita nel gruppo placebo, pur rimanendo stabile nel gruppo di trattamento. Inoltre, si è osservato un miglioramento del profilo lipidico, con significativa riduzione del colesterolo totale e colesterolo LDL nel gruppo che aveva assunto l’estratto.

Attività antimicrobica e antimicotica

L’estratto di foglie di Ulivo si è dimostrato efficace nell’inibire la proliferazione di diversi ceppi batterici – sia gram-negativi che gram-positivi – di lieviti e parassiti, tra cui il Plasmodium della malaria. Per quanto riguarda il meccanismo d’azione, le ipotesi più accreditate sono due:
inattivazione di enzimi cellulari cruciali per la replicazione batterica; attacco diretto sulla membrana cellulare con conseguente perdita di componenti intracellulari.
L’effetto finale è quello di un’inibizione dell’attecchimento e dello sviluppo di malattie infettive microbiche, micotiche e parassitarie.

Attività anti-ipertiroidica & Ipoglicemizzante

Anti-ipertiroidica

Uno studio preliminare del 2002 ha dimostrato come l’estratto di foglie di Ulivo riduca significativamente ed in maniera dose dipendente i livelli di ormone tiroideo T3, nel caso di un suo  eccesso, a tutte le dosi testate, anche solo dopo 14 giorni di trattamento.

Ipoglicemizzante

Oltre alle citate proprietà vasodilatatrici è stato segnalato anche un effetto benefico sui livelli di glucosio ematico. Nei ratti con diabete allossano-indotto, dosi di 16 e 32 mg/kg di estratto hanno diminuito i valori glicemici in modo significativo, portando anche ad un maggiore assorbimento periferico di glucosio in modo dose-dipendente. Inoltre, il contenuto in luteolina e acido oleanolico ha dimostrato un effetto inibitorio sull’aumento del glucosio postprandiale nei ratti diabetici.

Attività antinfiammatoria

L’attività dell’Oleuropeina nella prevenzione della formazione dei Radicali liberi pare sia dovuta alla sua capacità di chelare ioni metallici come Ferro e Rame, che fungono da catalizzatori della sintesi di perossidi e di enzimi infiammatori.
In particolare si è evidenziato come l’Oleuropeina è in grado di inibire la sintesi della lipossigenasi, senza influire invece sulle cicloossigenasi. Inoltre l’Idrossitirosolo, l‘Oleuropeina e il Tirosolo sono tutti in grado di inibire la produzione di Radicali liberi da parte dei leucociti, limitando così un’eccessiva risposta infiammatoria legata all’attività immunitaria di tali cellule; il tutto senza evidenza di alcuna tossicità.

L’attenzione dei gruppi di studio si è recentemente focalizzata su un possibile meccanismo d’azione secondario per l’attività antinfiammatoria, riconducibile probabilmente a un’azione anti-Complemento

Attività analgesica

Nella medicina tradizionale le foglie di Ulivo sono utilizzate da sempre come antidolorifico e antireumatico. In uno studio su ratti del 2010, si sono indagate le influenze di questo estratto sui livelli soglia della percezione del dolore in paragone alla morfina.

I ratti sono stati divisi in due gruppi e sono stati sottoposti a diversi trattamenti per valutarne la soglia nocicettiva. Ad un gruppo è stata somministrata morfina, mentre all’altro estratto di foglie di Ulivo. I

risultati hanno dimostrato che l’estratto (alle dosi di 50-200 mg/kg-ip) ha un effetto analgesico dose-dipendente. In particolare è stata registrata una significativa riduzione nelle risposte dolorose indotte nei diversi modelli tali da indicare una possibile applicazione nel trattamento e/o gestione delle condizioni dolorose.

Attività antiossidante

L’effetto protettivo sull’ossidazione cellulare da parte dell’Oleuropeina è stato dimostrato da molti studi; esso avverrebbe attraverso l’inibizione dell’azione dell’acido ipocloridrico, un composto dal potere ossidante particolarmente spiccato, che viene liberato dalle cellule neutrofile nella sede dell’infiammazione e che può causare importanti danni alle proteine. Secondo alcuni studi, l’Oleuropeina avrebbe sia la capacità di scavenging1 nei confronti dell’ossido nitrico sia quella di aumentarne la sintesi, aumentando la concentrazione di ossido nitrico sintetasi (iNOS) nella cellula. L’Oleuropeina inibisce, efficacemente e con modalità dose dipendente, l’ossidazione delle lipoproteine a bassa densità (LDL) indotta da Solfato di rame.

L’attività antiossidante dell’Oleuropeina è stata verificata su animali. In particolare su cuore di ratto isolato. Lo studio prevedeva l’induzione di un’ischemia generale sul cuore del ratto, privandolo per 30 minuti del flusso sanguigno e successivamente riperfondendolo. L’effluente coronarico è stato prelevato a intervalli scadenzati, e analizzato per verificare l’attività creatin-chinasi e il rapporto tra glutatione ridotto e ossidato. Il grado di perossidazione lipidica è stato valutato misurando la concentrazione di sostanza acida-tiobarbiturico reattiva nel muscolo.

I risultati del test confermano la spiccata azione antiossidante del fitocomplesso e sembrano rafforzare l’ipotesi che tale attività sia legata principalmente alla presenza di Oleuropeina.

Attività antitumorale

Molte sono le dimostrazioni e gli studi che indicano un’attività antiproliferativa del fitocomplesso in esame. È stato dimostrato che l’Oleuropeina ha una attività inibente la proliferazione cellulare in alcuni tipi di cancro. Un interessante e recentissimo studio ha analizzato l’attività del fitocomplesso sul cancro al pancreas, la quinta causa di morte cancro-correlata nei paesi occidentali.

Lo studio paragonava il contenuto in composti fenolici, flavonoidi totali ed Oleuropeina, con la capacità antiossidante e l’attività anti-proliferativa testata su cellule del cancro del pancreas (MiaPaCa-2), in diverse tipologie di estratto di foglie di Ulivo. I risultati hanno dimostrato che a concentrazioni di 100 e 200 mg/ml, Il fitocomplesso dell’Ulivo è in grado di diminuire la vitalità delle cellule pancreatiche tumorali rispetto ai controlli.

Attività neuro protettiva

Molecole molto reattive come i Radicali liberi sarebbero responsabili di molti processi degenerativi e di invecchiamento, come risultato di un danno ossidativo della cellula (principalmente a livello dei mitocondri). Questo fenomeno che si verifica fisiologicamente nel corso della vita di un individuo, può venir accelerato da uno scorretto stile di vita o da patologie. Parte del danno ossidativo che porta a disfunzioni cellulari non può essere completamente recuperato.

Le membrane mitocondriali sono molto sensibili all’attacco dei Radicali liberi a causa della presenza dei doppi legami carbonio-carbonio presenti sulle code lipidiche dei loro fosfolipidi di membrana. Questo fa si che i mitocondri siano uno dei substrati più soggetti ad ossidazione.
Ciò può portare a patologie neurodegenerative e a declino cognitivo.

Molteplici studi in vitro e in vivo hanno evidenziato l’effetto positivo dei polifenoli di derivazione naturale sull’inibizione dei Radicali liberi, e quindi sulla prevenzione delle patologie correlate all’invecchiamento e alla neurodegenerazione.
In particolare uno studio ha dimostrato che l’Oleuropeina diminuisce o addirittura previene la A-beta aggregazione coinvolta nella malattia di Alzheimer.
L’effetto potenziale dell’Oleuropeina sulla funzione cerebrale nella malattia di Alzheimer è analogo a quello sull’aterosclerosi: infatti entrambe le malattie sono età-dipendenti ed in entrambe esiste un accumulo eccessivo di alcuni metaboliti (Colesterolo e A-beta rispettivamente) che creano gradualmente i presupposti della malattia degenerativa conclamata.

La connessione tra malattie cardiache, ipercolesterolemia e Alzheimer è dovuta al fatto che il meccanismo patogenetico delle tre patologie è molto simile. L’evidenza circostanziale che le terapie per il controllo del colesterolo possono ridurre il deposito di A-Beta suggeriscono che l’Oleuropeina potrebbe avere un ruolo nella prevenzione delle malattie di deposito come l’arteriosclerosi e la malattia di Alzheimer.